Telecom Italia: “non rinunciamo allo sviluppo della rete con investimenti remunerativi”

«Non intendiamo rinunciare al ruolo di imprenditori delle strutture di rete», ha spiegato l’AD di Telecom Italia, Franco Bernabè, nel corso dell’assemblea degli azionisti. L’AD ha parlato anche di «nuovi investimenti nelle reti che dovranno soddisfare criteri di economicità e di remunerazione dell’investimento». I nuovi investimenti ammonterebbero a 8,7 miliardi nella rete, dopo i 3,1 miliardi di euro del 2010. Questi numeri erano stati dati, pochi giorni fa, da Bernabé stesso in audizione alla Commissione Lavori pubblici del Senato sulla banda larga. Inoltre Telecom Italia vuole continuare ad alleggerirsi dei debiti: l’impegno è di ridurre il debito a 25 miliardi di euro nel 2013 dagli attuali 31,5. Telecom Italia ieri ha presentato il nuovo Cda: il numero di consiglieri del board resta uguale (15 componenti), ma Findim di Fossati è fuori e Telco ottiene la  maggioranza. Telco, che detiene il 22,5% di Telecom Italia, è partecipata da Telefonica, Intesa Sanpaolo, Mediobanca e Generali.

Scritto da