Problemi Switch-off Lazio, crollano gli ascolti tv

Da un articolo di Marta Strinati su ilsalvagente.it:

A una settimana dallo switch off nel Lazio, i dati Auditel sono chiarissimi. Con il passaggio al digitale terrestre gli ascolti dei canali generalisti hanno subito un crollo verticale. E chi ne ha beneficiato naturalmente è la tv satellitare di Murdoch. Il calo ha raggiunto punte del 30% per La7, del 21% per Rai3, del 16% per Italia1 e del 14% per Rai1. A denunciarlo è il deputato Pd Roberto Giachetti: “Da giorni continua il flusso di notizie sui pesanti disagi subiti dai cittadini. Si configurano danni pesantissimi agli utenti, alle aziende televisive e agli inserzionisti pubblicitari”. E aggiunge: “Che venga individuato al più presto il responsabile che ha gestito lo switch off in modo così dilettante”. Il parlamentare di opposizione, inoltre, annuncia un’interrogazione urgente al ministro dello Sviluppo economico Scaiola e al viceministro Romani.

I problemi più frequenti per gli utenti

Al primo posto, la scomparsa di RaiUno, RaiDue e RaiTre. Seguono le altre emittenti nazionali, Mediaset e La7. E non mancano problemi con la pay-tv di Mediaset Premium, sparita dallo schermo di chi paga regolarmente l’abbonamento. Le vostre segnalazioni al nostro sondaggio sul digitale terrestre raccontano di uno switch off che sta lasciando dietro di sé interi quartieri della capitale senza tv. Interpellato sulle vostre denunce, il dipartimento Comunicazioni del ministero dello Sviluppo economico si offre come mediatore per mettere in contatto telefonico i cittadini senza segnale e i tecnici delle emittenti, ancora al lavoro dopo l’avvio degli impianti il 16 novembre scorso. Due sono le vie percorribili: scrivere il recapito alla nostra redazione (redazione@ilsalvagente.it) oppure mettersi in contatto direttamente con il call center ministeriale 800.022.000.

Le vostre segnalazioni

Da Ostia a Torre Angela, dal Nomentano all’Eur. Il tam tam del digitale terrestre che non funziona rimbalza da un capo all’altro di Roma. Canali “marmorizzati” oppure “zigrinati”: insomma, che si vedono malissimo. Canali che non si vedono per niente: segnale assente.

Canali che si vedono troppo: i porno che non si riesce a oscurare.

Nella zona Eur-Torrino, non si vedono le prime tre reti Rai e La7, mentre i canali Mediaset si vedono male. Qui, dice Marco, “prima dello switch off vedevo bene tutto in digitale”.

Al Prenestino, Simona vede bene la Rai, ma è costretta a ripetere la sintonizzazione: “Mi ricerca sempre gli stessi canali, senza trovare Mediaset, La7, Mtv e altri”. Nello stesso quartiere, Andrea cerca come può di dare una mano: “Io non ho la tv, ma ho dovuto aiutare tante persone anziane. Per loro è veramente un problema molto grande. Ogni giorno cade il segnale. Qualcuno ha chiesto il digitale al governo italiano?”.

Guai anche sul litorale di Ostia

Guai anche sul litorale della capitale. Da Ostia Lido, Anna testimonia che “I canali si marmorizzano e da due giorni sono scomparsi RaiUno, RaiDue e RaiTre, che si ricevono soltanto su un canale ciascuno, mentre altre emittenti compaiono tre-quattro volte in posizioni diverse. Dei circa 260 canali che ricevo, quelli erotici vanno alla grande e non riesco a cancellarli. Per non parlare di quelli per le televendite”.

A Ostia anche Leonardo fa i conti con lo smarrimento della Rai dopo lo switch off. “ Ho chiamato ai numeri verdi 800022000 e 800111555 di Raiway. Mi sono state consigliate alcune operazioni: scollegamento dalla rete elettrica di tutti gli apparecchi per almeno 5 minuti e cambio paese, invece di Italia, Svezia oppure Germania. Niente è cambiato”.

Nell’hinterland non va meglio

Nell’hinterland romano non va meglio. A 40 chilometri a Sud di Roma, i canali vanno e vengono e neanche l’intervento dell’antennista è risolutivo. A Pomezia, Antonio vede la tv digitale terrestre da due anni. Nonostante l’esperienza, dopo lo switch off ha dovuto rincorrere le prime tre reti Rai per tutto l’etere. Il 16 novembre la Rai è scomparsa, il 17 è ricomparsa sul canale 11, ma disturbata. Il 21 mattina l’ha ritrovata sul canale 6, ma si è subito dissolta. Ha chiamato l’antennista e speso 50 euro: nessun risultato. Nella stessa zona, a Marina di Ardea, anche Marina è ricorsa al tecnico. Pur avendo un’antenna nuova, ha dovuto installare un nuovo componente. Ora vede tutti i canali, ma non riceve i tre canali di RadioRai.

Scritto da