Tv Digital Divide - Articoli Postati nella Categoria " servizio pubblico "

  • Allarme Rai, da oggi senza concessione di Stato?

    «La concessione per la tv di Stato scade oggi e la Rai da domani formalmente non sarà servizio pubblico». È l’allarme lanciato ieri dai componenti del Movimento 5 Stelle della Commissione di Vigilanza Rai. Per un pasticcio legeslativo la Rai starà realmente per quindici lunghi giorni senza avere alcuna concessione da parte dello Stato? Forse. […]


  • Auditel, rinnovato completamente il panel campione

    Il Cda di Auditel, nella riunione tenutasi martedì 28 giugno, ha valutato lo stato di avanzamento dell’operazione “Panel Replacement” prendendo atto del pieno raggiungimento dell’obiettivo della creazione del super panel. «In poco più di un semestre – si legge in una nota – Auditel ha ultimato l’installazione delle ultime famiglie necessarie per il completamento del […]


  • Al via #cambieRai, la consultazione pubblica sulla Rai

    Parte oggi cambieRai, la consultazione pubblica sulla Rai. Associazioni ed esperti si riuniscono a Roma per discutere sul ruolo del servizio pubblico. Il 6 maggio prossimo andrà a scadere la Convenzione decennale tra lo Stato e la Rai Radio Televisione italiana. Per capire quale tipo servizio pubblico avrà in futuro il Paese, prende oggi il […]


  • Opas Rai Way – Ei Towers, indagine da archiviare

    La procura di Milano ha deciso di archiviare l’indagine sull’Opas lanciata l’anno scorso da Ei Towers (controllata da Mediaset) su Rai Way, la società delle torri della tv pubblica. La posizione dei cinque manager di Ei Towers perciò andrà archiviata, perchè, secondo il pm milanese Adriano Scudieri, non è stato commesso alcun reato, nonostante il […]


  • Auditel, via da luglio al super panel

    Ieri a Milano, per la prima volta nella sua storia, Auditel ha riunito il suo cda presieduto Andrea Imperiali di Francavilla, nominato lo scorso 4 febbraio, e sopratutto senza lo storico presidente Giulio Malgara. Dalla riunione del consiglio della società di rilevazione delle audience televisive, fondata nel 1984, si è ribadito che il nuovo super […]


  • Mediaset – Rai, prove tecniche di polo nazionale delle torri

    Secondo fonti finanziarie citate da Repubblica, Rai Way (65% Rai) e Ei Towers (40% Mediaset) starebbero dialogando per la costruzione di un polo unico delle torri di braodcasting. La scelta di TIM (ex Telecom Italia) di mettere in vendita la quota di controllo di Inwit apre nuovi scenari nel risiko del mercato delle torri. I […]


  • Riforma Rai, via libera definitivo: più poteri al governo

    L’Aula del Senato, per alzata di mano, ha approvato ieri in via definitiva il ddl sulla riforma Rai. La nuova governance della tv di Stato avrà quindi il suo amministratore delegato con più poteri su nomine e contratti fino a 10 milioni, avrà poi un Cda più snello (nominato in parte dal governo) e un […]


  • Auditel e la rivoluzione dello share

    Il mercato della pubblicità tv vale 3,5 miliardi. E l’allargamento del campione Auditel potrebbe cambiare gli equilibri. Auditel è tornato. Ma da sorvegliato speciale. Alla fine le due settimane di riflessione hanno portato a questo compromesso: il panel delle 5.600 famiglie, «inquinato», come si dice in gergo, per il 75%, non poteva certamente essere cambiato […]


  • Lo scandalo Auditel entra nella guerra Mediaset vs Sky

    Con l’Auditel fermo ai box per la nota vicenda dei panel svelati, nascono come i funghi i dati d’ascolto prodotti dai gruppi televisivi. E spuntano le rilevazioni alternative più attendibili e trasparenti (forse) e più vicine alle nuove tecnologie digitali e ai nuovi consumi del cambiamento in atto nel mercato televisivo. I nuovi share confezionati […]


  • Auditel si ferma 15 giorni per sostituire il panel svelato

    Stop alla diffusione dei dati di ascolto di Auditel per due settimane da domani. Questa la decisione del cda di Auditel, svoltosi in mattinata, dopo la divulgazione di alcuni nomi del panel. Secondo quanto riporta l’Ansa, la società continuerà nella rilevazione dati, ma i risultati verranno riservati solo alle emittenti. Nei prossimi mesi verrà sostituito […]


  • Sky e Rai vicini all’accordo sul telecomando (Rai 4 al numero 104)

    L’accordo tra la Rai e Sky sulla posizione di Rai 4 è a un passo. Secondo Aldo Fontanarosa de La Repubblica, già da lunedì il canale Rai 4 dovrebbe impossessarsi del tasto 104 del telecomando della pay-tv satellitare, posizione clamorosamente abbondonata da Mediaset il 7 settembre scorso che per motivi di diritti di ritrasmissione ha […]


  • Ecco Mediaset Italia, il canale a pagamento per gli italiani all’estero

    Dopo le polemiche con Sky e il consenguente criptaggio di Canale 5, Retequattro e Italia 1 sulla piattaforma di Rupert Murdoch & figli, il Biscione lancia l’offerta pay dei suoi programmi all’estero grazie al canale internazionale Mediaset Italia. In cambio di una cifra mensile variabile (a seconda dell’operatore e del paese) gli italiani che vivono […]


  • Adiconsum vs Mediaset: Agcom blocchi il criptaggio dei canali su Sky

    Adiconsum chiede all’Agcom di bloccare la decisione di Mediaset che dal 7 settembre 2015 vorrebbe criptare i segnali di Canale 5, Italia 1 e Retequattro sul satellite free e sulla piattaforma pay di Sky, rendendoli fruibili solo tramite Tivùsat. Secondo l’associazione, la scelta andrebbe a danneggiare i consumatori. La clamorosa mossa del Biscione, che pretende da […]


  • Mediaset: dal 7 settembre via i nostri canali da Sky

    Dal 7 settembre Canale 5, Retequattro e Italia 1 non saranno più visibili su Sky. I canali generalisti via satellite del Biscione saranno codificati integralmente e saranno ricevibili solamente sulla piattaforma Tivùsat. Si accende ancora più la guerra tra Sky e Mediaset. Dopo l’ultima mossa della pay-tv di Rupert Murdoch & figli, con l’acquisto di […]


  • Alla Rai non piace il sardo

    La Rai esclude il sardo dal disegno di legge di riforma. Per la produzione e la trasmissione di programmi nella lingua delle varie minoranze, il ddl di riforma della tv di Stato, che dopo il via libera del Senato ora attende quello della Camera, prende infatti in considerazione lo sloveno, il tedesco, il francese e […]


  • La Commissione Vigilanza sceglie il nuovo Cda Rai

    Dopo giorni di trattative politiche la Commissione di Vigilanza ha scelto i 7 membri del Cda Rai. Sono Rita Borioni (storica dell’arte), Guelfo Guelfi (presidente del Teatro Puccini ), Franco Siddi (ex segretario FNSI), Paolo Messa (direttore del Centro studi americani), Carlo Freccero (ex direttore di Rai 2 e Rai 4), Arturo Diaconale (direttore del giornale […]


  • Riforma Rai, Renzi vede Campo Dall’Orto

    Fervono le trattative politiche per il nuovo Cda della Rai che sarà rinnovato con le vecchie regole della famigerata legge Gasparri. Ci sono nove consiglieri da nominare, sette scelti dalla Commissione di Vigilanza. Commissione che avrà pure il compito di approvare un nuovo presidente Rai nominato dal governo. Il premier non eletto vorrebbe portare mercoledì […]


  • Mediaset: Sky paghi i diritti tv in chiaro sul satellite

    Mediaset torna all’attacco e, forte di una recente delibera Agcom, pretende da Sky il pagamento dei diritti di ritrasmissione dei propri contenuti free sulla piattaforma satellitare a pagamento. Gina Nieri, consigliere di amministrazione di Mediaset, ha dichiarato oggi in occasione del workshop “Rompere gli indugi: La protezione dei contenuti Tv in un mondo che cambia“, che […]


  • Riforma Rai, nuovo Cda con la Gasparri?

    Il governo Renzi arranca sulla Riforma Rai. Spunta un emendamento dell’esecutivo che rende possibile nominare il nuovo direttore generale anche con la famigerata Legge Gasparri, dandogli i poteri dell’ad. Secondo fonti del quotidiano La Stampa, il nuovo cda della Rai potrebbe essere rinnovato quindi con la Gasparri. Il tempo stringe, il vecchio cda è scaduto […]


  • Riforma Rai, il governo accelera. Nuova governance entro agosto?

    Il governo Renzi accelera sulla riforma Rai: il via libera definitivo alla nuova governance della Rai dovrebbe arrivare in tre settimane, entro il 5 agosto. L’obiettivo è quello di archiviare la famigerata legge Gasparri prima della pausa estiva, anche se c’è chi accusa che sta sta per essere varata una legge Gasparri 2.0 o Gasparrina. […]