Sony Pictures Television compra i canali 45 e 55 del digitale terrestre

sony pictures television

Sony Pictures Television acquista due canali del digitale terrestre in chiaro e si lancia nel mercato italiano free-to-air.

Come anticipato nel novembre scorso, Sony Pictures Television Network, che esce in contemporanea dal bouquet di Sky Italia con i canali Axn e Axn Sci-Fi, ha concluso un accordo con TBS – ReteCapri di Costantino Federico per l’acquisizione delle numerazioni LCN 45 (NekoTV) e 55 (Capri Gourmet) del digitale terrestre in chiaro. Lo ha annunciato la stessa SPTN.

Nei piani di Sony ci sarebbe il lancio quindi di due nuovi canali. Rumors parlano di un canale per il target kids (segmento ricco per la raccolta pubblicitaria) e uno a carattere culturale. Altre indiscrezioni indicano il lancio di un canale di azione e uno di fantascienza (corrispondenti a Axn e Axn Sci-fi). Ulteriori dettagli sulle nuove linee editoriali e sulla programmazione, fa sapere la società, saranno comunque comunicate nelle prossime settimane.

Kate Marsch, Executive Vice President, Western Europe International Networks di Sony Pictures Television Network ha dichiarato: «l’Europa occidentale è una regione molto importante per la crescita di SPTN e siamo assolutamente lieti di avere l’opportunità di investire ulteriormente in un settore a forte crescita come quello del digitale terrestre in Italia, che ci consentirà di raggiungere sempre più spettatori. In Europa, siamo già detentori del primo canale free-to-air dedicato ai bambini nel Regno Unito, e la nuova acquisizione in Italia ci offre l’opportunità di crescere ulteriormente nell’ambito del digitale terrestre».

Costantino Federico, titolare di Television Broadcasting System in liquidazione, ha dichiarato: «operiamo in Italia da 25 anni con nove canali sulla piattaforma digitale terrestre. L’acquisizione da parte di Sony dei canali NekoTV e Capri Gourmet ci offrirà l’opportunità di concentrare meglio le nostre energie sulle attività di operatore di rete nazionale e gli altri nostri canali».

Scritto da