Digitale terrestre Trieste: le zona oscura della tv

A due anni e mezzo di distanza dall’introduzione del digitale terrestre, secondo quanto riporta il quotidiano locale Il Piccolo, almeno diecimila triestini (ma è impossibile fare una stima precisa) non riescono ancora a vedere la tv.

Dal dicembre del 2010 Trieste ha definitivamente abbandonato il vecchio sistema analogico. «All’indomani del fatidico Switch-off il telefono non smetteva di squillare – ricorda un tecnico antennista del territorio – , tanti erano i clienti che non riuscivano più a vedere la televisione». Ma quello che all’inizio poteva sembrare un problema temporaneo, legato a quanti non si erano ancora dotati del decoder, per molti è diventato un ostacolo insormontabile.

Il segnale digitale è molto più complesso di quello analogico. È composto da sequenze di numeri che vengono inviati sempre dalle emittenti tramite i ripetitori. Solo che alla sequenza di numeri deve corrispondere un certo risultato, ed è più facile che si creino degli errori. Errori che il decoder registra bloccando la visualizzazione dell’immagine. Ed è così che quella che doveva essere una rivoluzione tecnologica, per molti è diventato un disservizio. Per funzionare antenne, impianti e cavi devono essere in ottime condizioni. Ma a Trieste pesa soprattutto la sua conformazione orografica: i colli fungono da ostacoli che non permettono ai due trasmettitori di Muggia e Conconello di mandare il segnale dappertutto, lasciando molte zone scoperte.

Incrociando i dati forniti dai tecnici di Trieste emerge la classica copertura a macchia di leopardo. Il più compromesso dalla ricezione del digitale terrestre è il Carso: Basovizza, Borgo San Nazario, Borgo Grotta Gigante, Gropada, Draga Sant’Elia, Padriciano, Puglie di Domio, San Dorligo e Visogliano sono tutti coperti da monti che non permettono di ricevere i segnali. Con qualche eccezione: a Borgo Grotta Gigante c’è chi il digitale terreste riesce a prenderlo perché si è dotato di due antenne. A Visogliano la tv digitale si vede, ma solo grazie all’alternativa satellitare Tivù Sat, piattaforma riservata agli abbonati al canone Rai.

Poco coperti risultano anche Sistiana e Duino e via del Pucino, sopra Grignano. La Strada del Friuli è scoperta dal faro della Vittoria fino a Barcola: Conconello è appena sopra ma il monte copre il segnale, così come il costone del faro ostacola la ricezione da Muggia. A macchia di leopardo il segnale può arrivare dal mare ma non è affidabile per effetto dell’innalzamento della marea, che cambia repentinamente l’angolatura di rimbalzo. Compromessa anche la parte alta di Roiano, dalla chiesa sino a via Moreri e Sottomonte, che non “vedono” Conconello.

A Trieste le cose non vanno meglio. Oscurate dai colli le vie Alfonso, Cumano, Sambo e Sbisà, il lato opposto al Giulia e via Forlanini sino al quadrilatero, parco di Villa Revoltella compreso. Infine la spada di Damocle pende su Muggia, per colpa delle maree e del caldo che abbattono sensibilmente i segnali, facendoli rimbalzare in punti dell’abitato variabili.

Fonte: ilpiccolo.gelocal.it

Scritto da